Assorbimento per attrito

La superficie di un elemento è tanto più assorbente quanto maggiore è la sua capacità di trasformare l’energia sonora incidente in calore per attrito nelle microcavità del materiale. I migliori materiali acustici sono, infatti, quelli porosi e fibrosi, quali: lane di vetro e di roccia, schiume di poliuretano espanso a celle aperte, fibre di legno, feltri, ecc.
La capacità assorbente di un materiale dipende da molti fattori, tra cui porosità, densità, forma ma soprattutto spessore.

La regola del ¼ di lunghezza d’onda
L’assorbimento acustico è più efficace dove la velocità delle molecole d’aria è massima. Nei pressi dei muri, la velocità dell’aria è minima e la pressione massima. Alla distanza di ¼ della lunghezza d’onda dal muro si ottiene il massimo della velocità, ed è quindi il posto migliore per posizionare del materiale assorbente.
Di seguito riporto la lunghezza d’onda e ¼ della lunghezza d’onda, in metri, per alcune frequenze:

Acquisizione a schermo intero 22112013 10.35.01.bmp-001

 

La lunghezza d’onda è ottenuta dividendo la velocità del suono per la frequenza relativa.

Ipotizzando di voler assorbire la frequenza di 60 Hz. La lunghezza d’onda relativa è 5,75 metri, mentre il quarto della lunghezza è di 1,44 metri.

Posizionando un sottile strato di materiale altamente assorbente (ad esempio una lastra di fibra di vetro) a 1,44 metri da tutte le pareti, virtualmente si eliminerebbe tale frequenza. Ricoprendo tutte le pareti con uno strato continuo dello spessore di 1,44 m di materiale assorbente, si otterrebbe il filtraggio di tutte le seguenti maggiori frequenze sopra i 60 Hz.

Il filtraggio delle sole frequenza basse appare complesso da risolversi con l’impiego di materiale assorbente. I vari pannelli e pannellini possono funzionare solo fino ad una certa frequenza, ad esempio un pannello di lana di vetro di 5 cm appeso ad una parete riuscirà a filtrare solo sopra i 2000 Hz. Al di sotto sarà molto meno efficace.

Posted on Luglio 18, 2017 in Acustica

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top